Richiedere un prestito per acquistare un'automobile

La pratica di prestito per l’acquisto di un’automobile è molto gettonata tra i consumatori italiani, anche grazie a un mercato dei finanziamenti capace di garantire tante opportunità.


Richiedere un prestito per acquistare un'automobile
L'auto dei tuoi sogni forse può diventare realtà! L'auto dei tuoi sogni forse può diventare realtà!

Il prestito auto è quindi una formula in continua espansione nel nostro Paese, da conoscere bene per fruire al meglio dei suoi vantaggi. Forme di finanziamento, tassi di interesse, richiesta da fare direttamente in concessionaria o presso un istituto di credito, ecco di seguito quello che c’è da sapere.

Nonostante i tempi particolarmente difficili il mercato dell’auto non ha mai chiuso le porte ai finanziamenti, un valido modo per facilitare l’acquisto di un’automobile a una larga fascia di consumatori. Da questo punto di vista è bene partire dal concetto che esistono diverse forme di finanziamento: prestiti personali, prestiti finalizzati, cessione del quinto. Formule di prestiti auto con caratteristiche differenti e utili da conoscere per una scelta logica e conveniente.

Ad esempio, il prestito personale è da richiedere a una società esterna che erogherà l’importo sul conto corrente del richiedente solo dopo aver positivamente valutato la sua solvibilità. Invece, la richiesta del prestito finalizzato, viene soddisfatta direttamente dalla concessionaria che concederà il bene al consumatore dietro il versamento delle rate mensili. Diverso ancora è il caso del prestito con la formula della cessione del quinto dello stipendio, che prevede la trattenuta delle rate direttamente dalla busta paga nella misura massima di un quinto della retribuzione netta mensile.

Tassi di interesse

Una volta conosciute le diverse forme di finanziamento per l’acquisto di un’automobile, una lecita domanda alla quale dare una pronta risposta è quella sui tassi di interesse applicati. Un tema sempre caldo perché gli interessi da restituire per il finanziamento ottenuto incidono molto sulla scelta del contratto di prestito da formalizzare. Nella stragrande maggioranza dei casi il prestito automobile è soggetto a tassi di interesse fissi, con un rimborso previsto con periodicità mensile.

Nell'esaminare i tassi di interesse conoscere la differenza tra il Tasso Annuo Nominale (TAN) e il Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) è un ottimo punto di partenza. Mentre il TAN è espressione in percentuale su base annua degli interessi riconducibili al prestito, il TAEG si riferisce ai costi complessivi del finanziamento, cioè è comprensivo anche delle spese accessorie (istruttoria, polizze, etc.). Quindi, nel confrontare le diverse proposte di prestito per l’acquisto di un’automobile, non si può prescindere da un’analisi profonda del TAN e del TAEG.

Finanziamento direttamente in concessionaria

All’atto dell’acquisto di un’automobile nuova in concessionaria si ha l’opportunità di richiedere il prestito direttamente in sede. Dal punto di vista pratico l’apertura di un prestito auto direttamente in concessionaria è conveniente perché il consumatore dovrà confrontarsi con un solo interlocutore (venditore). La praticità non è comunque l’unico vantaggio in quanto, alcune volte, è possibile fruire anche di qualche promozione in atto come il finanziamento a tasso zero. Una formula di prestito molto conveniente per acquistare un’automobile a rate.

Individuati alcuni vantaggi, è anche bene specificare come questo finanziamento si configuri come un prestito finalizzato e come tale prevede tassi di interesse fissi. In genere, poi, la richiesta di prestito direttamente in concessionaria implica un piano di ammortamento a rate costanti determinato dalla stessa concessionaria. In pratica è lo stesso rivenditore di auto che, in precedenza ha stipulato accordi con qualche società finanziaria, a farsi carico della pratica di finanziamento da far sottoscrivere all’acquirente, per poi inviare la richiesta di prestito, debitamente firmata dall’interessato, all’istituto di finanziamento.

Finanziamento presso un istituto di credito

La procedura per il prestito auto presso un istituto di credito è sostanzialmente differente perché, in questo caso, l’interessato può tranquillamente e liberamente scegliere l’ente al quale richiedere la somma utile per l’acquisto dell’automobile. Un prestito non finalizzato, con il vantaggio per il cliente di spendere l’importo ottenuto senza vincoli e di individuare le migliori condizioni attraverso il confronto delle varie offerte. Tra l’altro, con la procedura del prestito auto presso un istituto di credito, la somma viene direttamente accreditata sul conto dei clienti. Di contro, l’aspetto negativo è che i tassi di interesse applicati di solito sono maggiori.

Tuttavia sia nel caso di apertura di un finanziamento direttamente in concessionaria, sia nel caso di richiesta di prestito presso un istituto di credito, leggere scrupolosamente tutte le clausole previste dal contratto di prestito è sempre una buona abitudine per conoscere tutti i costi da affrontare per acquistare l’automobile. Non farlo, potrebbe significare andare incontro a spiacevoli sorprese e restare insoddisfatti del finanziamento ottenuto. Una leggerezza da non commettere assolutamente, soprattutto alla luce delle tante opportunità garantite dal mercato di riferimento da consultare facilmente con l'aiuto dei servizi online.

Recensioni Prestiti Personali più lette

  • Prestito Agos è sicuramente uno dei prestiti più interessanti nel panorama creditizio italiano. Agos è una delle finanziarie più attive sia dal punto di vista delle erogazioni, sia dal punto di vista della presenza sui canali marketing tradizionali e non.
  • Prestito BNL in Novo è l'ultima novità di BNL in fatto di prestiti e credito al consumo. Di nota fama e capillarità la Banca Nazionale del Lavoro, Gruppo BNP-Paribas, offre sicuramente una potenza di erogazione ed elasticità tipica di un gruppo bancario di tali dimensioni e capitalizzazione. L'eccezionale novità è sicuramente l'importo erogabile... 100.000 euro. Cifra fino ad oggi impensabile per un prestito personale.

Cosa valutare in un prestito personale

Quando si sottoscrive un prestito personale prestate attenzione ai seguenti particolari:

 

  1. tasso di interesse applicato

  2. prezzi e condizioni, inclusi gli oneri in caso di mora

  3. ammontare del finanziamento e modalità di erogazione

  4. TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale)

  5. TAN (Tasso Annuo Nominale)

  6. numero, importo e scadenza delle rate

  7. eventuali oneri esclusi dal calcolo del TAEG

  8. possibili garanzie, se richieste

  9. possibili coperture assicurative non incluse nel TAEG


Visitate le nostre FAQ per conoscere cosa sono il TAN e il TAEG.

News correlate

Prestiti Personali: Consigli utili

Vogliamo di seguito dare alcuni consigli utili per chi si trova nel momento in cui si richiede un prestito personale. Dovrete considerare, una volta richiesto il prestito, che ci sono due eventualità su cui è bene essere informati:

Il mancato pagamento della rata del prestito personale

Estinzione anticipata del prestito


Se non dovessimo pagare una rata:

  • gli interessi saranno maggiorati;

  • verrà applicata una mora;

  • il proprio nominativo verrà inserito nella lista dei cattivi pagatori (segnalazione in CRIF).


Dunque valutate con estrema cautela la propria capacità di rimborso dei prestiti personali attraverso le rate tutti i mesi.

L'estinzione anticipata del prestito personale deve sempre essere disponibile, ma bisogna fare attenzione alle penali. La nuova normativa sul credito al consumo, entrata in vigore a Giugno 2011, ha introdotto nuove regole favorevoli ai consumatori, tra cui l'assenza di penali se il debito residuo è inferiore a 10 mila euro.

Vi invitiamo quindi a leggere attentamente le clausole contrattuali e ad informarsi bene sui propri diritti.

Sondaggio