Agos Ducato zavorra Credit Agricole

Allerta gli azionisti di Agos Ducato in questo clima di crisi economica


Agos Ducato zavorra Credit Agricole

Il clima di profonda incertezza a livello economico, ha messo in allerta anche gli azionisti di Agos Ducato, primo gruppo italiano nel credito al consumo. Come è noto, scrive MF, la joint venture nata a fine 2009 dalla fusione tra Agos e Ducato è controllata al 61% dal Credit Agricole, mentre la quota restante è in mano al Banco Popolare. Nel corso del primo trimestre l'autorita' di vigilanza ha chiesto all'azionista di maggioranza di procedere a un accantonamento straordinario di 280 milioni per far fronte ai rischi connessi al portafoglio crediti. Durante il trimestre si e' infatti registrato un forte deterioramento del quadro economico che ha impattato sulla qualita' del credito di Agos. In particolare l'obiettivo dell'autorita' di vigilanza e' orientare in termini particolarmente prudenti le metodologie da applicare nelle previsioni di recupero dei crediti erogati. Eccessivo rigore o risposta a problematiche concrete? Per il momento non e' dato saperlo anche perche' i risultati economici di Agos Ducato non sono noti. Secondo quanto risulta a MF-Milano Finanza, gli interventi richiesti dall'autorita' di vigilanza avrebbero fatto slittare di diverse settimane l'approvazione del bilancio 2011 e con ogni probabilita' il documento non sara' disponibile prima di giugno. Nel frattempo fonti interne al gruppo fanno sapere che il top management guidato dall'amministratore delegato e direttore generale Mirco Perelli sarebbe gia' al lavoro per fronteggiare le difficolta'.

Recensioni Prestiti Personali più lette

  • Prestito Agos è sicuramente uno dei prestiti più interessanti nel panorama creditizio italiano. Agos è una delle finanziarie più attive sia dal punto di vista delle erogazioni, sia dal punto di vista della presenza sui canali marketing tradizionali e non.
  • Prestito BNL in Novo è l'ultima novità di BNL in fatto di prestiti e credito al consumo. Di nota fama e capillarità la Banca Nazionale del Lavoro, Gruppo BNP-Paribas, offre sicuramente una potenza di erogazione ed elasticità tipica di un gruppo bancario di tali dimensioni e capitalizzazione. L'eccezionale novità è sicuramente l'importo erogabile... 100.000 euro. Cifra fino ad oggi impensabile per un prestito personale.

Cosa valutare in un prestito personale

Quando si sottoscrive un prestito personale prestate attenzione ai seguenti particolari:

 

  1. tasso di interesse applicato

  2. prezzi e condizioni, inclusi gli oneri in caso di mora

  3. ammontare del finanziamento e modalità di erogazione

  4. TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale)

  5. TAN (Tasso Annuo Nominale)

  6. numero, importo e scadenza delle rate

  7. eventuali oneri esclusi dal calcolo del TAEG

  8. possibili garanzie, se richieste

  9. possibili coperture assicurative non incluse nel TAEG


Visitate le nostre FAQ per conoscere cosa sono il TAN e il TAEG.

News correlate

Prestiti Personali: Consigli utili

Vogliamo di seguito dare alcuni consigli utili per chi si trova nel momento in cui si richiede un prestito personale. Dovrete considerare, una volta richiesto il prestito, che ci sono due eventualità su cui è bene essere informati:

Il mancato pagamento della rata del prestito personale

Estinzione anticipata del prestito


Se non dovessimo pagare una rata:

  • gli interessi saranno maggiorati;

  • verrà applicata una mora;

  • il proprio nominativo verrà inserito nella lista dei cattivi pagatori (segnalazione in CRIF).


Dunque valutate con estrema cautela la propria capacità di rimborso dei prestiti personali attraverso le rate tutti i mesi.

L'estinzione anticipata del prestito personale deve sempre essere disponibile, ma bisogna fare attenzione alle penali. La nuova normativa sul credito al consumo, entrata in vigore a Giugno 2011, ha introdotto nuove regole favorevoli ai consumatori, tra cui l'assenza di penali se il debito residuo è inferiore a 10 mila euro.

Vi invitiamo quindi a leggere attentamente le clausole contrattuali e ad informarsi bene sui propri diritti.

Sondaggio