Cos’è il TAEG di un prestito personale?

Cos’è il TAEG di un prestito personale?

L'Indice sintetico di costo, o Indicatore sintetico di costo (ISC), noto in precedenza come Tasso annuo effettivo globale (TAEG) è l'indicatore di tasso di interesse di un'operazione di finanziamento (es. un prestito, l'acquisto rateale di beni o servizi). È espresso in percentuale e indica il costo effettivo del finanziamento.

È stato introdotto per la prima volta nel sistema normativo italiano nella Deliberazione del Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio n. 10688 del 4/03/2003, art. 9 comma 2, che ha demandato a Banca d'Italia di individuare quali siano le operazioni e i servizi a fronte dei quali detto indice, "comprensivo degli interessi e degli oneri che concorrono a determinare il costo effettivo dell'operazione per il cliente", debba essere segnalato, nonché la formula per rilevarlo.

Il Tasso Annuo Effettivo Globale rappresenta il costo effettivo dell'operazione espresso in percentuale che il cliente deve alla società che ha erogato il prestito o il finanziamento. Detto in poche parole il T.A.E.G. racchiude contemporaneamente sia il T.A.N. (Tasso Annuo Nominale), cioè la percentuale di interesse che grava sul prestito, sia le spese di emissione della pratica e della documentazione; quindi:

T.A.N. + spese di istruttoria e documentazione = T.A.E.G.

Il calcolo del TAEG/ISC consiste nel trovare quel tasso di interesse che rende uguali la somma del credito concesso al cliente, con la somma complessiva che il cliente dovrà rimborsare alla scadenza. Lo scopo è infatti dare al cliente un unico indicatore di interesse che comprenda non solo il tasso effettivo di interesse sul prestito, ma anche tutte le spese accessorie.

I parametri che determinano il TAEG o ISC sono fissati per legge. In particolare, oltre alla struttura del rimborso finanziario, rientrano a far parte del calcolo di questo tasso tutte le spese accessorie obbligatorie inerenti all'atto del finanziamento, ovvero:

  • spese di istruttoria della pratica
  • commissioni d'incasso
  • assicurazioni obbligatorie

Non rientrano invece a far parte dei parametri che incidono sul TAEG:

  • bolli statali
  • tasse
  • assicurazioni non obbligatorie
  • commissioni di massimo scoperto

In regime di interesse composto, l'equazione che definisce il TAEG è definita uguagliando prestiti e rimborsi in t_0=0 \,\! e calcolando per i \,\!:

\sum_{s=1}^n \left ( \alpha_s+k_s \right )\cdot\left ( 1+i \right )^{-t_s} = A-K \,\!

dove n \,\! è il numero delle rate, \alpha_s \,\! gli importi delle rate periodiche, k_s \,\! le spese periodiche, t_s \,\! è l'espressione della cadenza delle rate normalizzata al periodo in base al quale è espresso l'interesse i \,\!, A \,\! rappresenta il valore attuale del prestito e K \,\! rappresentano le spese iniziali. Cosicché la seconda parte dell'equazione rappresenta la somma effettivamente ricevuta in prestito.

Se, come spesso accade, le quote \alpha_s \,\! e k_s \,\! sono periodiche e costanti, si può scrivere:

\left ( \alpha + k \right )\cdot \sum_{s=1}^n \left ( 1+i \right )^{-t_s} = A-K \,\!

Considerando il caso di rate mensili (se l'interesse i \,\! è quello annuale, t_s=s/12 \,\!), si ha

\left ( \alpha + k \right )\cdot \sum_{s=1}^n \left ( 1+i \right )^{-\frac{s}{12}} = A-K \,\!

Ricordando che la ridotta n \,\!-esima di una serie geometrica di ragione r \,\! è esprimibile come

\sum_{k=1}^n r^{k} = r\cdot\frac{1-r^n}{1-r} \,\!

si può scrivere

\left ( \alpha + k \right )\cdot \left ( 1+i \right )^{\frac{-1}{12}}\cdot \frac{1-\left ( 1+i \right )^{\frac{-n}{12}}}{1-\left ( 1+i \right )^{\frac{-1}{12}}} = A-K \,\!

Nel caso in cui si abbia un certo periodo di preammortamento quantificabile in m \,\! mensilità, si ha

\sum_{s=m}^{n+m} \left ( \alpha_s+k_s \right )\cdot\left ( 1+i \right )^{-t_s} = A-K \,\!

e nel caso di rate mensili costanti e con l'interesse annuale si ha

\left ( \alpha+k \right )\cdot \left ( 1+i \right )^{-\frac{n+m}{12}} \cdot \left ( 1 + \sum_{s=1}^{n} \left ( 1+i \right )^{\frac{s}{12}} \right ) = A-K \,\!

\left ( \alpha+k \right )\cdot \left ( 1+i \right )^{-\frac{n+m}{12}} \cdot \left ( 1 +
\left ( 1+i \right ) ^{\frac{-1}{12}}\cdot
\frac{1- ( 1+i )^{\frac{-n}{12}}}{1- ( 1+i )^{\frac{-1}{12}}} \right ) = A-K \,\!

Recensioni Prestiti Personali più lette

  • Prestito Agos è sicuramente uno dei prestiti più interessanti nel panorama creditizio italiano. Agos è una delle finanziarie più attive sia dal punto di vista delle erogazioni, sia dal punto di vista della presenza sui canali marketing tradizionali e non.
  • Prestito BNL in Novo è l'ultima novità di BNL in fatto di prestiti e credito al consumo. Di nota fama e capillarità la Banca Nazionale del Lavoro, Gruppo BNP-Paribas, offre sicuramente una potenza di erogazione ed elasticità tipica di un gruppo bancario di tali dimensioni e capitalizzazione. L'eccezionale novità è sicuramente l'importo erogabile... 100.000 euro. Cifra fino ad oggi impensabile per un prestito personale.

Cosa valutare in un prestito personale

Quando si sottoscrive un prestito personale prestate attenzione ai seguenti particolari:

 

  1. tasso di interesse applicato

  2. prezzi e condizioni, inclusi gli oneri in caso di mora

  3. ammontare del finanziamento e modalità di erogazione

  4. TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale)

  5. TAN (Tasso Annuo Nominale)

  6. numero, importo e scadenza delle rate

  7. eventuali oneri esclusi dal calcolo del TAEG

  8. possibili garanzie, se richieste

  9. possibili coperture assicurative non incluse nel TAEG


Visitate le nostre FAQ per conoscere cosa sono il TAN e il TAEG.

Prestiti Personali: Consigli utili

Vogliamo di seguito dare alcuni consigli utili per chi si trova nel momento in cui si richiede un prestito personale. Dovrete considerare, una volta richiesto il prestito, che ci sono due eventualità su cui è bene essere informati:

Il mancato pagamento della rata del prestito personale

Estinzione anticipata del prestito


Se non dovessimo pagare una rata:

  • gli interessi saranno maggiorati;

  • verrà applicata una mora;

  • il proprio nominativo verrà inserito nella lista dei cattivi pagatori (segnalazione in CRIF).


Dunque valutate con estrema cautela la propria capacità di rimborso dei prestiti personali attraverso le rate tutti i mesi.

L'estinzione anticipata del prestito personale deve sempre essere disponibile, ma bisogna fare attenzione alle penali. La nuova normativa sul credito al consumo, entrata in vigore a Giugno 2011, ha introdotto nuove regole favorevoli ai consumatori, tra cui l'assenza di penali se il debito residuo è inferiore a 10 mila euro.

Vi invitiamo quindi a leggere attentamente le clausole contrattuali e ad informarsi bene sui propri diritti.

Sondaggio